PROGETTO MINITRANSAT 6.50

Un uomo, un oceano, una barca

L’obiettivo è quello di formare un gruppo di professionisti capace di trasformare un’impresa tanto difficile in qualcosa di realizzabile. Inoltre, grazie alle nuove tecnologie di settore, la possibilità di competere ad alto livello e in sicurezza.

Il Team lavorerà in acqua e a terra per allenamenti e test sui materiali e skipper in vista della prossima regata oceanica in solitario “Transat 6.50” che partirà dalla Francia (La Rochelle ) con arrivo ai Caraibi (Le Marin bay,) nell’autunno del 2021. Una grande sfida tecnica e umana che coinvolgerà tante persone con la stessa passione e con l’obiettivo comune di raggiungere un risultato sportivo positivo.

Raggiungere questo obiettivo richiederà 4 anni di intenso lavoro per il Team tutto italiano.

Attualmente le regate oceaniche sono dominate dai team francesi che possono contare su un altissimo livello di preparazione ed esperienza. Di conseguenza l’obiettivo è anche di promuovere la vela d’altura in Italia cercando di far conoscere il più possibile l’impegno, la dedizione e la professionalità con i quali ci presenteremo alla partenza di questa storica regata.

Chi sono

Navigatore con più di 20.000 miglia percorse tra mediterraneo ed atlantico

1998/2001

Prime esperienze di navigazione costiera su cabinati da regata e nella classe laser.

2002–2004

Regate in equipaggio su cabinati moderni in centro Italia.

2005–2011

Regate nazionali ed internazionali su catamarani sportivi in doppio.

2011–2015

Collaborazioni sportive con la Lega Navale di Ostia ed il Centro Velico 3V come tecnico per il settore multiscafi giovanili a livello nazionale ed internazionale. Regate nazionali nella classe Formula18 Traversata Ostia-PortoCervo su Catamarano non abitabile di 18 piedi in doppio. Regata “100miglia” su catamarano 18 piedi in doppio

2015–2018

Traversata in Oceano Atlantico da Est ad Ovest, su 40 piedi, in equipaggio. Traversata Oceano Atlantico da Ovest ad Est su 33 piedi in equipaggio. Traversata Oceano Pacifico da Est ad Ovest su 48 piedi in equipaggio ridotto Terzo classificato Gran Premio dʼItalia in classe Mini 6.50 (regata dʼesordio nella classe Mini 6.50)